Canale Video


Calendario

Agosto 2020
L M M G V S D
« Lug    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Archivio Articoli

Solidarietà ai compagni baschi. La vergognosa sentenza contro la resistenza basca

La sinistra europea adesso può vantare un altro splendido risultato, una vergognosa sentenza è stata emessa dal giudice spagnolo Murillo contro i compagni baschi nel processo 18/98.

Dei 52 militanti processati grazie alle “indagini” del giudice istruttore Baltazar Garzon, 46 sono stati condannati con pene che oscillano dai 10 ai 14 anni ciascuna. Il processo, di cui il tanto amato (soprattutto dai rifondaroli nostrani) “compagno” Zapatero può menare gran vanto, ha visto alla sbarra soprattutto persone inquisite per reati di opinione.

Sotto processo, infatti, sono finiti giornalisti, avvocati, membri di associazioni in difesa della cultura e della lingua basca, giovani militanti, nessuno dei quali processato o condannato per reati di sangue, nessuno dei quali processato o condannato per reati legati ad attentati.

Questa messinscena orchestrata dal Partito Socialista Spagnolo (PSOE) e  dal suo primo ministro Zapatero, ha lo scopo, secondo quanto ci viene detto dagli  stessi  rappresentanti della sinistra basca, sia di “catturare” voti moderati in vista delle prossime elezioni , sia di assestare un duro colpo alla base militante, alla base sociale della resistenza in Euskal Herria visto il fallimento di quello che, in modo sotterraneo, sono state le fantomatiche trattative tra l’Eta e il governo spagnolo.

Fantomatiche dato che a fronte di un “cessate il fuoco” unilaterale da parte dell’organizzazione indipendentista non si è avuta alcuna risposta accettabile da parte del governo spagnolo e, anzi, si è registrato un aumento della repressione sia sul territorio spagnolo che su quello francese delle province basche e questo processo ne è la prova definitiva.

L’invito, ovviamente, è quello di sostenere in ogni modo la lotta della resistenza del popolo basco, non seguendo il miserabile silenzio della sinistra ufficiale (compresa la parte istituzionale del cosiddetto movimento) che, evidentemente, quando si tratta di schierarsi dalla parte delle legittime lotte di indipendenza e di resistenza all’imperialismo si nasconde dietro gli scranni parlamentari.

Solidarietà ai compagni baschi.

M.R. della redazione de Il Buio