Canale Video


Calendario

Novembre 2020
L M M G V S D
« Ott    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Archivio Articoli

Lettera aperta al nostro santo pilota satellitare

di Ravachol

Caro Signore “che sei nei cieli” al pari dei satelliti che guidano i movimenti della mia automobile in città proprio come tu orienti le mie scelte di vita,
ti ringrazio per avermi insegnato molte cose giuste e sante; anzi giustissime e santissime.
Che mi consentono non solo di orientarmi con gli altri, ma anche di educarli per tuo conto e a tuo nome (per la verità, ad eccezione degli atei de IL BUIO, che si dimostrano refrattari tanto ai tuoi insegnamenti quanto alle promesse di Superviagra Berlusconi).
Così, adesso, quando qualcuno tenta di difendere lo stile di vita degli omosessuali, gli ricordo semplicemente che nel Levitico (18:22) si afferma che ciò è un abominio.
Avrei però bisogno da te di alcuni consigli, riguardo ad altre leggi ed al modo in cui applicarle.
Ad esempio, vorrei vendere mia figlia come schiava, come sancisce Esodo (21:7).
Quale pensi sarebbe un buon prezzo di vendita?
Quando sull’altare sacrificale accendo un fuoco e vi ardo un toro, so dalle Sante e Sacre scritture che ciò produce un piacevole profumo per te (Levitico 1.9).
Ma i miei vicini? Come la metto con loro, che si lamentano per la puzza? Devo forse percuoterli?
So che poso avere contatti con una donna quando non ha le mestruazioni (Levitico 15:19-24).
Il problema è: come faccio a chiederle una cosa del genere? molte donne, tu lo sai, si offendono…
Il Levitico (25-44) sostiene che potrei possedere degli schiavi, sia maschi che femmine, a condizione che essi siano acquistati in altre nazioni.
Un mio amico (che non cito per nome per non comprometterlo agli occhi di quei mangiapreti de IL BUIO) è convinto che ciò si può fare con i filippini, ma non con i francesi. Perché, secondo te, non posso avere schiavi francesi?
Un mio vicino insiste per lavorare di sabato.
Esodo (35:2) dice chiaramente che dovrebbe essere messo a morte: sono moralmente tenuto ad ucciderlo di persona? E poi come la mettiamo con le statistiche della Lega e di Maroni, visto che io non sono un extracomunitario?
Un buongustaio di mia conoscenza ha la sensazione che anche se mangiare crostacei è da considerasi un abominio (Levitico 11:10), lo sia meno dell’omosessualità. Ha ragione lui?
Sempre il Levitico (21:20) afferma che non posso avvicinarmi all’altare di dio se ho difetti di vista.
Poiché, per leggere, mi servo degli occhiali, ti chiedo: la mia vista deve per forza essere di 10 decimi o c’è, alla democristiana maniera, qualche scappatoia?
Alcuni miei amici dei famigerati, eretici e scomunicati Centri Sociali usano raparsi i capelli, compresi quelli vicino alle tempie, anche se questa pratica è espressamente vietata dal tuo libro sacro, in particolare dal Levitico (19:27).
In che modo devono essere messi a morte, anche per far contento il povero Prosperini?
Il Levitico (11:6-8) dice anche che toccare la pelle di maiale morto rende impuri.
Per giocare al pallone devo quindi indossare dei guanti, anche se non faccio il portiere? E quelli della Lega: sono tutti impuri quando spargono pezzi di maiale sui terreni candidati ad ospitare i luoghi di culto dei musulmani?
Un mio parente possiede una fattoria. E’ andato contro ciò che stabilisce Levitico (19:19), dal momento che ha piantato due diversi tipi di ortaggio nello stesso campo?
E sua moglie? Ha violato anche lei lo stesso passo perché è solita indossare due tipi diversi di tessuto (cotone e acrilico)?
Il mio parente fattore è anche solito bestemmiare come un leghista: è proprio necessario, come previsto dalla Sante e Sacre scritture che mi prenda la briga di radunare tutti gli abitanti della città per lapidarli?
Non potrei, come suggerisce Levitico (20:14) per le persone che giacciono con consanguinei, dargli fuoco mentre dorme?
Ti prego, santo pilota satellitare “che sei nei cieli”: non restarci, come vorrebbero quei bestemmiatori atei de IL BUIO, ma mandami un segnale.
Appena puoi: appena i tuoi pupilli che stanno in America e nell’entità sionista, fra un massacro e l’altro di palestinesi, ti daranno il tempo di farlo…
In ogni caso, ne approfitto per ringraziarti di essere così solerte nel ricordare a tutti noi, atei compresi, come dobbiamo rettamente comportarci; e, soprattutto, che la parola di dio è immutabile ed eterna.

Un tuo fedele servitore (non sono comunque Emilio Fede, e so benissimo che tu non sei l’Unto di Arcore )

You must be logged in to post a comment.