Canale Video


Calendario

Ottobre 2020
L M M G V S D
« Set    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Archivio Articoli

AmeriKKKanate

ovvero le leggi demenziali di un Paese di dementi

Quello che state per leggere è l’elenco, assolutamente incompleto, delle leggi più demenziali in vigore nel Paese che ha pretesa di essere, unicamente in virtù della propria forza militare, “il più avanzato del mondo”, oltre che l’Impero per eccellenza.
Anche se, probabilmente, conserverete sempre una riserva di fondo, un margine di dubbio, vi possiamo assicurare che le leggi qui di séguito ricordate sono tutte assolutamente autentiche.
Iniziamo con  New York.
Qui è illegale “per tutti fare qualunque cosa contro la legge”!
In Florida, invece, ad essere illegali sono i “rapporti sessuali con un porcospino”, mentre nell’Illinois non si può mangiare in un locale che sta andando a fuoco!
In Tennessee, otto donne, non una di più, non possono “convivere”: si tratterebbe… di “un bordello”!
In Massachussets, è severamente vietato portare gorilla sul sedile posteriore dell’automobile.
A Baltimora, nel Maryland, non si possono vendere pulcini o anatroccoli a minori nella settimana precedente la Pasqua.
Invece a Rehoboth, nel Delaware, è vietato fingere di dormire sulle panchine del lungomare; in Minnesota, ad essere vietato sostare di fronte ad un edificio senza una buona ragione per essere proprio lì. In Missisipi è illegale insegnare il significato della parola “poligamia”.
In Arkansas un uomo può picchiare la moglie solo una volta al mese, non di più. In Kentucky è illegale pescare con arco e frecce.
Cosa lecita, invece, in Utah, dove, in compenso, non si può pescare in sella ad un cavallo.
Sempre nello Utah – lo stato dei Mormoni che periodicamente invia anche nelle nostre città i suoi emissari riconoscibili perché, come tutti gli yankee, sono “fatti con lo stampino”, lo stesso delle produzioni in serie – è lecito  detenere armi nucleari in casa, mentre è assolutamente vietato… farle esplodere!
In Montana, l’incontro di più di sette indiani pellerossa è considerato “raid di guerra”: per questa ragione, è lecito sparargli contro!
In Alabama, non si può entrare in chiesa con i baffi finti perché potrebbero “causare ilarità” (in chi? in gente che crede nella resurrezione, nell’inferno, nel paradiso e via scemeggiando?).
In Florida, chi intende parcheggiare un elefante deve pagare la tariffa come se si trattasse di un autoveicolo.
Alle Hawai, due gemelli non possono lavorare nella stessa azienda.
Non siete ancora sazi? Coltivate ancora qualche dubbio che, in fondo, l’AmeriKKKa non é un Paese così stupido?
Sappiate allora che nello stato del Vermont, una moglie non può mettere la dentiera senza l’autorizzazione scritta del marito.
A Miami, in Florida, è illegale entrare con lo skateboard in una stazione di polizia; in Alabama è vietato guidare bendati; nel Kentucky non si può nascondere un’arma lunga più di sei piedi (182 centimetri); di nuovo in Florida le donne non sposate non possono fare paracadutismo di domenica.
Sì, è vero: dalle altre parti, negli altri Paesi, non è che le cosa vadano poi tanto diversamente.
In Francia, ad esempio è proibito chiamare un maiale “Napoleone” (e, in Italia, porco D’Alema, Bossi, Veltrusconi, Fassino, ecc.?); in Gran Bretagna è vietato “morire nella sede del Parlamento”, mentre nel Bahrein un ginecologo può visitare una donna, ma deve limitarsi ad esaminarne i genitali attraverso uno specchio.
Ma volete mettere con l’AmeriKKKa?!
Qui, ancora una volta, tutto appare ingigantito, moltiplicato. E che, ad essere ingigantita e moltiplicata, sia l’idiozia non rappresenta una novità per nessuno.
Neanche, a questo punto, per i nostri affezionati lettori.
Che congediamo, giusto per accomiatarci “in bellezza”, ricordando anche il caso dell’Italia.
Il Paese dove, una volta suonava solamente il sì: una volta, prima che suonasse (nient’affatto poeticamente) anche il no.
Ad esempio sotto forma di leggi che vietano “la professione di ciarlatano” (e perché allora il Superviagra nazionale non è in galera?!); o che prevedono l’arresto per un uomo che indossa una gonna, oppure che comminano una multa a chi bestemmia contro la divinità ovvero oltraggia pubblicamente i defunti…

P.R.