Canale Video


Calendario

Ottobre 2021
L M M G V S D
« Set    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Archivio Articoli

Il (Contrap)Punto: negri da cortile

Salvini, Boschi, Letta, Calenda, Tajani, Raggi, Toti, Cioffi. Tutti allineati.
Schierati in fila come burattini ad intonare la Hatikva, l’inno nazionale israeliano, per “difendere la pace e il diritto di Israele di esistere”. In difesa, cioè, dei carnefici che stanno bombardando circa 2 milioni di oppressi rinchiusi in una striscia di terra di 365 chilometri quadrati oltre a massacrare gli altri palestinesi che hanno la “fortuna” di vivere a Gerusalemme o nei luoghi dove i sionisti vogliono sradicarli sia con la forza militare che con le leggi scritte appositamente dai tribunali di quello stato illegittimo.
Naturalmente secondo i pupazzi parlanti italioti, che replicano il mantra del padrone che li ha istruiti, gli assediati palestinesi e le proprie organizzazioni di riferimento dovrebbero subire la prigione anche per i bambini, gli sgomberi forzati, i posto di blocco maniacali dove non sai mai se uscirai vivo, i furti di acqua e terra continuativi ed infine i bombardamenti senza alzare un dito per difendersi perché altrimenti diventano terroristi.
La storia (per merito dell’eroico popolo palestinese) si incaricherà di rispedire tutti questi vermi nel buco dal quale sono usciti.
Marionette che sgomberano definitivamente il campo da ogni fraintendimento: rappresentano l’unico apparato politico possibile in una colonia, quello che si muove in sintonia con il proprio padrone (gli Stati Uniti e la loro proiezione mediorientale, i guerrafondai sionisti) scodinzolando al guinzaglio con lo sguardo speranzoso di qualche briciola.
È proprio sulle grandi questioni internazionali e sul conseguente posizionamento che si misurano realmente le differenze (o la mancanza) di approccio e di visione strategica e politica.
Questa masnada di “negri da cortile”, esattamente come quelli che durante l’epoca dello schiavismo erano sprezzantemente nominati in tal modo perché amavano il padrone più di loro stessi, è capace solo di insultarsi per argomenti di poco conto che, a dir poco, non spostano di nulla i meccanismi che determinano le ingiustizie in questo misero paese, e figuriamoci nel mondo.
Discutono e si menano fendenti, per dirne una, sul DDL Zan seguiti a ruota dal popolino bue che elegge, di volta in volta, queste puttanate ad argomento del giorno, esattamente come il menu dei ristoranti, salvo poi dimenticarselo in fretta per seguire l’argomento farlocco proposto il giorno successivo.
Il campo, dicevo, ormai è sgombro: siamo di fronte ad una maggioranza di “negri da cortile” che attraverso i propri rappresentanti si inchina al padrone supplicando che allunghi un poco il guinzaglio.
Altro che elezioni, altro che differenze tra partiti, altro che scelte dirimenti nell’urna elettorale.
L’unica strada degna di nota, oggi come oggi, è la possibilità di ribellarsi a questa oppressione ed ai lacchè dello status quo.
Tutto il resto è fumo negli occhi.

Renato Battaglia
dalla giungla metropolitana

La rubrica ospita contributi che non sempre e non necessariamente esprimono le posizioni della redazione web

***

Ultima ora! Stupefatto di aver letto un articolo decente su Il Manifesto (su alcune questioni intuibili non sono d’accordo, ma tant’è…) che riguarda l’argomento trattato e fa una breve sintesi dei fatti in Palestina: lo metto per conoscenza dei lettori che l’avessero perso. R. B.

Cade la maschera di Israele e anche la nostra
di Alberto Negri

Le proteste degli arabi minacciati di espulsione dal quartiere di Sheik Jarrah vengono viste come il casus belli di questa guerra. In realtà prima del 1948, della sconfitta araba e della Nakba ricordata ieri, il 77% delle proprietà nel lato Ovest di Gerusalemme appartenevano ai palestinesi, sia cristiani che musulmani. Difendiamo con la stessa maschera dei governi israeliani la nostra insostenibile ipocrisia e disonestà intellettuale.
La rivolta arabo-palestinese è quella di tutti noi, per la giustizia e la vera pace, contro ogni doppio standard che da decenni avvelena Gerusalemme, la Palestina e tutto il Medio Oriente.
Israele vive, da noi pienamente tollerato, nella condizione di uno Stato fuorilegge, i palestinesi, a causa anche della sua dirigenza e di Hamas, sono perpetuamente nella lista nera dei popoli criminali, non degli stati criminali semplicemente perché i palestinesi hanno diritto a uno Stato solo nella retorica occidentale che si lava le mani della questione.
La posizione mediana assunta dai politici e dalla maggior parte dei media occidentali in realtà è la più ipocrita di tutte le sanzioni architettate in Medio Oriente.
Quella che pagheremo forse in un prossimo futuro: le guerre altrui entreranno in casa nostra, come è già accaduto un decennio fa quando le primavere arabe si trasformarono, come in Siria, in guerre per procura e nel jihadismo. Finora Israele, nelle mente degli europei, ha fatto da antemurale alle rivolte e alla diffusione del estremismo islamico: in realtà ha alimentato l’incendio – Hamas sin dalla sua fondazione negli anni Ottanta serviva a mettere sotto scacco Al Fatah e i laici – e incoraggiato ogni degenerazione perché lo stato di guerra perpetuo giustifica la sua impunità e il non rispetto assoluto dei diritti degli arabi, delle leggi internazionali e delle Risoluzioni delle Nazioni unite.
Ma la maschera israeliana, come pure la nostra, sta per cadere. È scattata la sirena d’allarme, non soltanto quella per i razzi di Hamas, ma dei linciaggi e delle rivolte nelle città israeliane abitate «anche» dagli arabi. Il venti per cento della popolazione di un Paese che si dichiara lo Stato degli ebrei ignorando tutti gli altri.
Come scriveva questa settimana su il manifesto Tommaso Di Francesco non basta dire che entrambi i popoli hanno diritto a vivere in pace, di questa frasette inutili ne abbiamo piene le tasche e molto più di noi i palestinesi. E persino una parte consistente dell’opinione pubblica arabo-musulmana, anche di quei Paesi entrati nel Patto di Abramo, nella sostanza un’intesa che non è un accordo di pace, come è stato venduto dalla propaganda, ma di fatto un via libera a Israele per fare quello che vuole.
Come fai a vivere in pace quando confiscano le tue terre, la tua casa viene demolita, i coloni moltiplicano gli insediamenti e ogni giorno viene eretto, oltre al Muro, un reticolato di divieti di cemento difesi con il mitra spianato? La terra viene divorata, i monumenti della tua cultura sono vietati e si cambia la faccia del mondo che conoscevi: tutto questo avviene sotto occupazione militare, cioè contro il diritto internazionale. E noi qui vorremmo che gli arabi rispettassero leggi di cui noi stessi ci facciamo beffe?
Gerusalemme è diventato il simbolo di tutte queste ingiustizie, di tutte le violazioni del diritto internazionale. Questa storica e magica città non è per niente la capitale delle tre religioni monoteiste come viene ripetuto fino alla noia: è la capitale soltanto dello Stato di Israele, come ha sancito Trump nel 2018 trasferendo l’ambasciata americana da Tel Aviv. In questa città Israele decide quello che vuole non solo per gli ebrei ma anche per musulmani e cristiani. Anche questa è una violazione del diritto internazionale, delle Risoluzioni Onu e degli Accordi di Oslo: non solo non abbiamo fatto niente per evitarlo ma lo abbiamo accettato senza reagire. Tollerando che avvenga pure senza testimoni con il bombardamento del centro stampa internazionale di Gaza e l’uccisione di una collega palestinese Reema Saad, incinta al quarto mese, polverizzata da una bomba insieme alla sua famiglia.
Oggi le proteste della famiglie arabe minacciate di espulsione dal quartiere di Sheik Jarrah vengono viste come il casus belli di questa ultima guerra. In realtà prima del 1948, della sconfitta araba e della Nakba ricordata ieri, il 77% delle proprietà nel lato Ovest di Gerusalemme appartenevano ai palestinesi, sia cristiani che musulmani. Ma i loro beni, una volta cacciati via e i proprietari classificati come «assenti» sono stati espropriati e venduti allo Stato o al Fondo nazionale ebraico. Così si costruisce con l’ordine «liberale» del «diritto di proprietà» ogni ingiustizia.
Non solo: gli ebrei possono reclamare le case che possedevano a Gerusalemme prima del 1948 ma questo diritto non è previsto per i palestinesi. Una beffa. Queste le chiamate leggi, questa la possiamo chiamare giustizia? Si tratta soltanto di un sopruso accompagnato quotidianamente dall’uso della forza militare.
«Le vite palestinesi contano», ammonisce il leader democratico Bernie Sanders. Ma il presidente americano Biden che ieri ha mandato un inviato per verificare le possibilità di una tregua deve uscire dall’ambiguità: se concede a Israele di violare tutte le leggi e i principi più elementari di giustizia diventa complice di Trump e delle sue scellerate decisioni.
In ballo non c’è soltanto un cessate il fuoco ma un’esecuzione mortale: quella che viene perpetrata ogni giorno al popolo palestinese messo al muro dalla nostra insipienza. E con le spalle al muro ci siamo pure noi che difendiamo con la stessa maschera dei governi israeliani la nostra insostenibile ipocrisia e disonestà intellettuale.

tratto da Il Manifesto.it, 16 maggio 2020