Canale Video


Calendario

Gennaio 2021
L M M G V S D
« Dic    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Archivio Articoli

Biden il serbo

Biden ha già detto che in segno di distensione confermerà Melania Trump come first lady.
Spinoza

Il neo-eletto presidente di Gringolandia, lo Stato-canaglia per eccellenza, Joe Biden ha il curriculum politico di un criminale, a dispetto di ciò che di lui pensano l’arcipelago catto-comunista di casa nostra ma non solo di casa nostra, e le immancabili maestrine dalla penna rossa. Che in lui vedono un replicante di John Kennedy ed un alfiere dei diritti civili.
In realtà, come senatore negli anni Novanta, Joe Biden è stato uno dei più ferventi sostenitori dell’azione militare statunitense contro i serbi nel periodo di progressivo dissolvimento della Federazione Jugoslava prima in Croazia (1991-95), poi in Bosnia (1992-95), e successivamente nella provincia serba del Kosovo (1998-1999).
Biden ha insistentemente chiesto agli Stati Uniti di bombardare i Serbi, senza dimenticarsi di ottenere l’invio di armi al regime islamista in Bosnia e l’armamento del gruppo islamo-narco-terrorista noto come “Esercito di liberazione del Kosovo” (KLA ).
Joe Biden, infatti, è stato lo sponsor principale della guerra in Kosovo del marzo 1999 e per un’azione militare diretta contro la Serbia ed il Montenegro. La successiva operazione aerea della NATO durata 78 giorni ha avuto scarso impatto sulle forze armate serbe, ma ha devastato le infrastrutture del paese e ha ucciso centinaia di civili. Ancor oggi, a distanza di anni, la Serbia soffre di livelli elevati di cancro attribuiti alle munizioni all’uranio impoverito. Ancora poco, comunque, per Biden, per il quale le vittime erano solo “analfabeti degenerati, assassini di bambini, macellai e stupratori”.
Nel maggio 1999, al culmine dell’attacco aereo della NATO, il “democratico” Joe chiese l’intervento sul campo di truppe di terra statunitensi (“dovremmo annunciare che ci saranno vittime americane”, dichiarò), seguite da “un’occupazione in stile giapponese-tedesca“.
A guerra (anzi: ad aggressione) finita, nel 2007 il senatore Biden ha elogiato il nuovo ordine come una “vittoria per la democrazia musulmana” e “un esempio tanto necessario di una partnership di successo tra USA e musulmani”.
In definitiva, un curriculum militarista e guerrafondaio che non ha nulla da invidiare a quello delle più famose canaglie della Storia moderna, la gran parte delle quali, occorre ricordarlo?, di nazionalità USA e di famiglia politica “democratica”.

Red4