Canale Video


Calendario

Settembre 2020
L M M G V S D
« Ago    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Archivio Articoli

Il (Contrap)Punto: Falsi miti e moderna propaganda

Siamo in un periodo nel quale molti diritti sono in via di soppressione grazie alla gestione dell’eterna “emergenza covid”: di conseguenza il dibattito sui giornali, sugli schermi e nei pochi assembramenti consentiti…. verte su altro!
Il classico modo di guardare il proverbiale dito (non la luna) cui ci hanno abituato e che la maggioranza ormai accetta come dato acquisito. Il modo di  sviare dalle questioni fondamentali che ormai assorbe interamente la propaganda organizzata e non.
Del covid si parla solo per esibire dati farlocchi e per fare terrorismo psicologico in merito a tutte le possibili soppressioni che sarebbero “necessarie”. Di approfondimenti sulla politica internazionale men che zero se si esclude  l’immancabile pettegolezzo sulle elezioni statunitensi che eleggeranno il solito burattino del potere repubblicano o democratico.
In compenso il tema che occupa i commentatori di professione riguarda il referendum che abolirebbe un certo numero di rappresentanti parlamentari.
A prima vista potrebbe apparire una questione di una certa rilevanza;    allargando lo sguardo è possibile constatare che in realtà siamo di fronte ad un problema che dividerà, al solito, schieramenti e posizioni, ma non cambierà di una virgola la sostanza delle cose.
I “cittadini democratici” dovrebbero prendere in considerazione la proporzione tra gli eletti ed i rappresentati, cioè il fatto che la diminuzione del numero dei parlamentari in realtà segue il percorso opposto alla logica della rappresentanza formale dei cittadini che eleggono le camere.
Ma, a mio avviso, la domanda fondamentale è un’altra: che interessi rappresenta il parlamento in una democrazia occidentale? L’ovvia risposta è: oggi più di ieri gli interessi di chi domina i rapporti di forza materiali di questa società, siano essi nazionali o meno.
Sotto questo aspetto quale rilevanza assume il numero dei parlamentari che siede in parlamento? Nulla.
Siamo di fronte ad discorso totalmente irreale e pilotato, come d’altra parte siamo abituati a sentire e leggere quotidianamente sugli organi che dovrebbero informare, ma che fanno esattamente l’opposto.
Non una novità ma, semmai, una conferma dello schifo in cui  nuotiamo.

Renato Battaglia