Canale Video


Calendario

Aprile 2020
L M M G V S D
« Mar    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Archivio Articoli

L'insospettato (?) razzismo

David Sassoli  ha sempre fatto il giornalista. A conferma che essere iscritti all’albo dei pennivendoli aiuta in Politica, se non altro perché allena all’ignoranza, alla menzogna e ad altrettante attività criminali.
Sassoli, comunque, non è solo un esponente del PD, ma  anche l’attuale presidente  del Parlamento europeo (e poi c’è ancora chi si meraviglia che gli Inglesi abbiano scelto la Brexit!).
Nel discorso tenuto alla commemorazione del 75° anniversario della liberazione, ad opera, per tutti tranne che per quel miserabile pidocchio di Benigni, campo di concentramento di Auschwitz, Sassoli ha detto, fra l’altro, che “Auschwitz ci impone di agire ogni qualvolta vi è un’azione antisemita e razzista”.
Vero, giusto, sacrosanto.
Solo che… Solo che ci chiediamo come avrà deciso di agire il nostro presidente del Palamento europeo dopo aver letto che, nell’entità sionista, il rabbinato utilizza test del DNA per accertare l’ebraicità di quei cittadini che si trovano nella necessità di dimostrare di essere ebrei.
Infatti, secondo l’Halakhah (la legge religiosa dell’ebraismo), vi sono oltre quattrocentomila israeliani provenienti dall’ex Unione Sovietica che non sono considerati ebrei. Inoltre, vi sono settecentomila israeliani dall’ex Unione Sovietica il cui status ebraico viene di solito contestato dal rabbinato. Sebbene il rabbinato affermi che nessuno è costretto a fare il test del DNA, alcuni, come il direttore dell’ITIM, un’organizzazione no profit israeliana, il rabbino Seth Farber, fanno notare che il solo modo per sposarsi in Israele è attraverso il rabbinato. Che richiederà il test. Nel corso del 2018, a circa 20 coppie sposate con almeno un partner proveniente dall’ex Unione Sovietica è stato chiesto di fare il test per avere il loro matrimonio riconosciuto in Israele”.
Per completezza e per rispetto della verità, c’è peraltro da aggiungere che fra gli stessi rabbini di Israele considera la pratica del test del DNA semplicemente come “razzista e discriminatoria”. Ad esempio, il rabbino Aaron Leibowitz ha dichiarato: “Bisogna dire la verità: il Gran Rabbinato sta cercando di dissimulare il separatismo e il razzismo con argomenti halachici che sono irragionevoli e non necessari”.
David Sassoli, ci chiediamo, come ha agito di fronte a questi casi evidenti di razzismo?
Com’é ormai abitudine nel suo partito, naturalmente ha fatto finta di niente, non ha minimamente agito?
Perché, i piddini, sono un genere tutto particolare di servi del padrone di turno: il genere di servi che non si ribella mai, che “è usa ad obbedir tacendo”…
Il genere peggiore di servi, insomma…

Luca Ariano (con la collaborazione di Dora Tosta)