Canale Video


Calendario

Dicembre 2019
L M M G V S D
« Nov    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Archivio Articoli

Un governo filo-russo?

Di questi tempi si parla molto (e chissà per quanto ancòra si continuerà a farlo) di Russia e dei presunti finanziamenti di Putin a Salvini ed alla di lui Lega di scimmiette padane.
Se ne parla così tanto, a proposito e a sproposito, che non ne parleremo certo noi. Anche se, per dirla tutta, ci sembra quantomeno strano che qualcuno possa avere qualche interesse, per una ragione qualsiasi, a finanziare o a ricercare i favori di un cazzaro da bar sport come il capitano-Nutella Salvini.
Ci soffermeremo invece sulla questione dei rapporti fra l’attuale governo fascio-stellato autodefinitosi “del cambiamento” ed il Paese già di Lenin e di Stalin ed oggi di Putin. Il quale, com’è noto, sta al Comunismo come ci stanno Berlusconi e Beppe Grillo.
Nei giorni scorsi, ricevendo a Roma il presidente russo Putin, il premier Conte ha definito “eccellente” lo stato delle relazioni fra l’Italia e la Russia.
In realtà, la Russia, dove operano cinquecento aziende italiane, è il quinto mercato extra-europeo per il nostro export e fornisce il 35 % del nostro fabbisogno di gas naturale.
Conte ha definito “eccellente”  lo stato delle relazioni italiane con la Russia nonostante , appena una settimana prima, in sede NATO, non avesse esitato ad accusare di nuovo Mosca di aver violato il Trattato INF, sulla base delle “prove” fornite dagli USA; e, soprattutto, a confermare la partecipazione italiana alla forza NATO sotto comando USA di trenta navi da guerra, trenta battaglioni e trenta squadre aeree dispiegabili entro un mese in Europa contro la Russia a partire dal 2020 (cfr. Il Manifesto del 9 luglio, pag.18).
Sempre in funzione anti-russa, “navi italiane partecipano a esercitazioni NATO di guerra sottomarina; forze meccanizzate italiane fanno parte del Gruppo di battaglia NATO in Lettonia e la brigata corazzata Ariete si è esercitata due settimane fa in Polonia, mentre caccia italiani Eurofighter Typhoon vengono schierati in Romania e Lettonia” (ibidem).
“Eccellenti” le relazioni con la Russia di un Paese che dà il proprio assenso al rinnovo delle sanzioni economiche contro la Russia (quando sarebbe bastato anche un solo voto contrario per annullarle, voto che non è venuto dai sedicenti “sovranisti” fascio-stellati) e la cui politica estera è decisa negli e dagli USA?
Alla faccia del “sovranismo”, del “governo del cambiamento” e via sparando l’ennesima salva di cazzate per cazzari sprovveduti ed ignoranti…

Luca Ariano