Canale Video


Calendario

Novembre 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Archivio Articoli

Il tramonto più bello

Il voto italiano del 4 marzo scorso ci ha lasciato, fra l’altro, in eredità la conferma di una tendenza che si è andata rafforzando elezione per elezione, voto dopo voto. I partiti socialisti e socialdemocratici europei sono entrati in una fase di lento ma irreversibile declino.
La sinistra italiana, o quel poco che ne resta, si è adeguata. Esaurito l’”effetto Renzi” il guitto fiorentino che aveva portato il Partito Democratico al 40% nelle Europee 2014, i democratici sono sprofondati al 18.8%. Il peggior risultato della breve e pornografica storia del PD.
Il Partito Comunista, dopo l’esordio del 1946 al 18.9%, si è sempre mantenuto sopra la soglia del 20%, superando in dieci occasioni il 25% e sforando il 30% in tre diverse elezioni.
Dopo l’esperienza dei Democratici di Sinistra (DS) e, successivamente, dell’Ulivo, il Partito Democratico, su posizioni persino più moderate, è riuscito ad  ottenere percentuali simili a quelle raggiunte a sinistra prima della svolta della Bolognina da un partito unico (senza dunque considerare la coalizione dell’Ulivo).
Mentre il trend del Partito Comunista è sostanzialmente in crescita per tutto il periodo di vita di questo soggetto politico il Pd, per l’appunto), il Partito Democratico ha vissuto una stagione che lo ha portato gradualmente a diminuire le proprie percentuali. E ciò nonostante lo storico 40% ottenuto alle Europee, sotto l’effetto del cosiddetto “ primo Renzi”.
Se non si tien conto della la tornata elettorale del 2014, la tendenza è ancora più evidente.
Nel giro di 4 anni il PD è passato dal suo massimo (e massimo per un partito della sinistra italiana), al suo minimo storico, con una discesa del 26.2%.
Il che lascia presagire, con estrema soddisfazione e compiacimento per i sinceri Rivoluzionari e per tutte le persone oneste, che il tramonto definitivo dei falsi-comunisti nel momento in cui scriviamo ancora intruppati nelle sempre più esigue e scarne fila del PD, è solo questione di tempo.
Perché, come ci ha ricordato Fedro, le rane (meglio: i rospi), per quanto si possano gonfiare, alla fine scoppiano.

Red4