Canale Video


Calendario

Maggio 2022
L M M G V S D
« Apr    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Archivio Articoli

Vieni avanti, cretino!

Il Cretino di oggi appartiene alla non numerosa famiglia dei clienti abituali della nostra rubrica.
Ecco spiegata la ragione per la quale non abbiamo ritenuto necessario dedicargli una puntata particolare del nostro appuntamento periodico con il “Meglio della Stupidità sulla piazza”.
Chi è il Cretino di oggi, e qual è la sua Famiglia di appartenenza?
Al secondo quesito non sarebbe proprio il caso di fornire una risposta: lo sanno anche i cani “alla Pavlov” che, quando l’istruttore grida “Stupido”, l’animale non esita ad azionare il campanello “ex Pci”.
Alla prima curiosità, invece, diamo subito soddisfazione.
Il Cretino di oggi è l’onorevole (si fa per dire!) Pierluigi Bersani, un mezzo salumiere e mezzo farmacista di Piacenza, una città in cui, da sempre, sono democristiani anche i maoisti.
E maoista, per fortuna loro e di Mao Tse Tung, Pierluigi Bersani, una mezza-calzetta che non vincerebbe un’elezione qualsiasi neanche se fosse l’unico candidato in lizza, non lo è mai stato.
Al contrario, Bersani appartiene alla leva degli Occhetto, dei Veltroni, dei Fassino, dei D’Alema, cioè di quegli autentici scherzi di natura che hanno traghettato il PCI dalla riva dell’opposizione democratico-borghese degli anni successivi alla Resistenza a quella dell’Imbecillità tout-court, del collaborazionismo con i settori più squallidi e fetenti dell’imperialismo nostrano e non.
Cosa ha combinato Bersani?
Ha detto che “il pericolo è che, dopo Berlusconi, esca fuori un Chavez”!
Sì, avete letto bene: un nanerottolo fallito ed incapace, un miserabile burocratello ex picista, totalmente ignorante persino di storia contemporanea, “teme” che, dopo Berlusconi, possa arrivare “un Chavez”!
Almeno arrivasse, potremmo limitarci a commentare noi (che pure per Chavez, ma per ragioni assolutamente opposte a quelle di Bersani e della sua cricca di infami e di sicofanti, non nutriamo eccessive simpatie)!
Se non lo facciamo, è perché intendiamo “dare una lezione” al Verme piacentino scendendo sul suo stesso terreno: su quello cioè della  (sedicente) “democrazia”.
Ricordandogli che Hugo Chavez Frìas, nel 1998, è stato eletto Presidente del Venezuela con il 56,2% dei voti. E che da allora ha vinto tutte le elezioni a cui ha partecipato, con un consenso larghissimo.
E Bersani? Dove e quando ha vinto? Nelle assemblee di condominio in quel di Piacenza?
Nelle elezioni per il rinnovo della presidenza della bocciofila o del circolo di scalaquaranta? Che ci risulti, neanche in quelle…

Matteo Sepulveda

Nei giorni scorsi, un altro Supercretino ha avuto modo di segnalarsi: per la proverbiale Stupidità.
L’Italia spende poco per gli armamenti”, ha dichiarato al Convegno del Partito Democratico (cristiano), l’Animale passato dalla protesta con tanto di figlio in spalla di piazza San Pietro (la sua nuova Piazza Rossa) contro l’aggressione sotto egida ONU all’Irak, nel 1991, alla partecipazione attiva, in qualità di Presidente del Consiglio, ad un’altra aggressione imperialista: quella contro la Jugoslavia socialista di Milosevic.
E poi trovi ancora qualcuno che riesce a negare l’evidenza: e cioè che gli Stupidi e gli Infami, per una sorta di attrazione magnetica, per quella stessa Legge di Natura che ha fatto finire l’uno nelle braccia dell’altro Superbamba-Bossi e Superviagra-Berlusconi, si annusano, si riconoscono e si mettono in branco.
Per moltiplicare la Stupidità e farne una Forza (politica): la famosa forza della stupidità.