Canale Video


Calendario

Ottobre 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Archivio Articoli

(In)sospettabili relazioni

Questa volta la notizia è stata fornita dal quotidiano nordamericano (1)  – di proprietà del fondatore di AMAZON, Jeffrey Bezos – Washington Post. E riguarda il Medio Oriente.
Per il W.P.,  il secondo quotidiano (per diffusione) dell’Impero del Male, il programma denominato “Good Neighbors” (”Buoni Vicini”) ed avviato dall’entità sionista dopo l’inizio dell’aggressione imperialista alla Siria, per garantire “assistenza”  agli estremisti sunniti che si oppongono al legittimo governo di Assad, è andato ben oltre i millantati “rapporti di buon vicinato”, dal momento che ha ben presto conosciuto un’evoluzione significativa. E rivelatrice. Infatti oggi non fornisce più, come preteso dai dirigenti sionisti, solo assistenza medica ai quasi “tremila siriani” acquartierati nel Golan occupato.
Per il W.P., infatti, almeno una dozzina di gruppi terroristi anti-Damasco ha “beneficiato” anche di un sostegno finanziario da parte dell’entità sionista. La quale, in cambio perché neanche  i pretesi “aiuti umanitari” sono disinteressati) ha ottenuto un numero maggiore di informazioni spionistiche sui movimenti e sugli spostamenti di truppe del movimento sciita Hezbollah e dei volontari provenienti dall’Iran che appoggiano il governo di Assad.
L’attendibilità delle informazioni fornite dal Washington Post, per l’autorità, in campo giornalistico, della testata da cui provengono, non è stata messa in discussione. Nonostante le rivelazioni del quotidiano yankee arrivino, ultime solo in ordine di tempo, a fornire conferma dell’identità dei Paesi della catena imperialistica che stanno all’origine dell’aggressione contro il popolo siriano.
Che l’entità sionista sia uno  questi Paesi, è ormai un dato di fatto inoppugnabile, che può essere contestato solo facendolo passare sotto silenzio.
Attività in cui, ovviamente, si distinguono le gazzette ed i media di regime di casa nostra.
Forse per non incorrere nell’accusa di “antisemitismo”…?

(1) I pennivendoli, ma non solo i pennivendoli, danno per scontata l’equazione USA=America. A dispetto del fatto che, per fortuna, non certo “per grazia di dio”, gli USA non sono e non rappresentano, né sono mai stati e mai hanno rappresentato, TUTTO INTERO il Continente americano. Non essendo “Americani degli Stati Uniti” gli Argentini, i Messicani, i Cileni, i Canadesi…

Luca Ariano