Canale Video


Calendario

Dicembre 2020
L M M G V S D
« Nov    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Archivio Articoli

Servi sinistri

Alla faccia delle menate da psicoanalisi delle solite maestrine dalla penna rossa, quelle che ascoltano Radio Popolare e leggono avidamente il giornale di carta (igienica) La Repubblica, dove, naturalmente, la notizia è stata relegata nella ultime pagine in carattere microscopico o direttamente nascosta, il 7 luglio 2017 l’Italia ha ancora una volta mostrato il proprio grado di servitù alla Nato e agli Stati Uniti (e, c’era bisogno di dirlo?, di non voler tener fede ai principi scritti nella propria Costituzione) ritenendolo più importante della pace e del disarmo.
Il Trattato per la messa al bando delle armi nucleari è comunque stato approvato dall’Assemblea generale dell’Onu con 122 favorevoli, un astenuto (Singapore) e un solo voto contrario, quello dell’Olanda, unico membro Nato che ha partecipato ai lavori perché obbligata da un voto del Parlamento (cfr. www.ilfattoquotidiano.it, 08/07/2017).
L’Italia ha scelto, dunque, di sabotare il trattato in ossequio agli ordini ricevuti, come deve fare una colonia ubbidiente e scodinzolante.
Naturalmente il “governo di sinistra” non ha pensato nemmeno un secondo di disubbidire agli ordini ricevuti, dimostrando ancora una volta che, nonostante i giri di parole, quando si tratta di servire il padrone i sinistri non sono secondo a nessuno… anzi sono sempre in prima fila! Supportati, oltretutto, da truppe cammellate ignoranti ed in malafede che preferiscono evocare il nuovo pericolo (?) fascista, parlare dello strafalcione del 5stelle di turno oppure del ciuffo di Trump, piuttosto che guardare in faccia alla realtà; schifo, sia detto senza remore, che i militonti sinistrorsi contribuiscono in ogni modo a preservare e difendere.

Red27