Canale Video


Calendario

Ottobre 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Archivio Articoli

Povertà (di spirito e non)

Chi è veramente Jorge Bergoglio, alias Papa Francesco I, l’idolo delle maestrine dalla penna rossa e del popolaccio catto-comunista?
Integralista di destra, è noto all’opinione pubblica per la pretesa di  mettere  “i poveri” al centro del proprio apostolato. Vicino alla dittatura militare ai tempi di Videla, rende omaggio ai sacerdoti assassinati dai criminali argentini in divisa ed in abito talare. Ha fatto una carriera tutta controcorrente: conservatore in un ordine considerato progressista, primo gesuita primate argentino, primo gesuita papa, primo papa latinoamericano.
Nemico giurato dei progressisti e di tutti i politici (li detesta forse quanto Grillo in particolare ed il “popolino del bar sottocasa” in generale) e lontano dagli organismi per i diritti umani, esige dallo Stato l’educazione cattolica nelle scuole e nella società ed è contrario ai contraccettivi.
Nessuno, però,  può accusarlo di non avere un occhio di riguardo per la povertà, e non soltanto della povertà, tipica del cattolicesimo, di spirito.
Non sorprende, quindi, che in una delle sue ricorrenti “esternazioni” puntualmente riprese ed amplificate dai media di regime (e non solo da quelli) si sia lascito andare, a suo tempo, ad un’accorata e sofferta confessione: “Come vorrei una Chiesa povera e per i poveri!”
Parole sante, parole sante (è il caso di dirlo, considerando l’Interessato). Però…
Però, vien da chiedersi, se Bergoglio ama tanto i poveri, invece di porre l’accento, ad ogni esternazione pubblica, sia essa omelia, intervista o dichiarazione, sulla “grazia della povertà”, non chiede al suo Principale, tenuto conto che, di ricchezza, al mondo, ce ne sarebbe in abbondanza per tutti, la grazia della ricchezza equamente distribuita? Della ricchezza, non della povertà…

Ravachol