Canale Video


Calendario

Novembre 2019
L M M G V S D
« Ott    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Archivio Articoli

Ipse dixit

Rubrica periodica

E il Vaticano brucerà/e il Vaticano brucerà/cun tuti i preti…
Canzone socialista lombarda

In occasione della visita pastorale di pa(p)a Francesco a Milano, proponiamo ai nostri lettori un vecchio contributo di Antonio Gramsci ritornato d’attualità soprattutto (ma non solo) dopo la recente  “visita pastorale” di pap(p)a Francesco a Milano.
Lo facciamo a dispetto dei catto-comunisti e della mandria bipede di servi che si è scandalosamente accodata alle celebrazioni “in onore” di chi benediceva e sosteneva, nella seconda metà degli anni Settanta del secolo scorso, i militari argentini responsabili di crimini contro l’Umanità e dello sterminio di decine di migliaia di militanti e di combattenti per una società in cui non ci dovranno più essere né padroni né tantomeno preti. In tonaca e non, “di sinistra” e non.
Red5

GRAMSCI, LA RELIGIONE ED IL VATICANO

“Il Vaticano è senza dubbio la più vasta e potente organizzazione privata che sia mai esistita. Ha, per certi aspetti, il carattere di uno Stato, ed è riconosciuto come tale da un certo numero di governi. Benché lo smembramento della monarchia austro-ungherese abbia considerevolmente diminuito la sua influenza, esso rimane tuttora una delle forze politiche più efficienti della storia moderna. La base organizzativa del Vaticano è in Italia: qui risiedono gli organi dirigenti delle organizzazioni cattoliche, la cui complessa rete abbraccia una gran parte del globo.
In Italia l’apparato ecclesiastico del Vaticano si comporta di circa 200.000 persone; cifra imponente, soprattutto quando si consideri che essa comprende migliaia e migliaia di persone dotate di intelligenza, cultura, abilità consumata nell’arte dell’intrigo e nella preparazione e condotta metodica e silenziosa dei disegni politici. Molti di questi uomini incarnano le più vecchie tradizioni d’organizzazione delle masse e, di conseguenza, la più grande forza reazionaria esistente in Italia, forza tanto più temibile in quanto insidiosa e inafferrabile. Il fascismo prima di tentare il suo colpo di Stato dovette trovare un accordo con essa. Si dice che il Vaticano, benché molto interessato all’avvento del fascismo al potere, abbia fatto pagare molto caro l’appoggio al fascismo. Il salvataggio del Banco di Roma, dove erano depositati tutti i fondi ecclesiastici, è costato, a quel che si dice, più di un miliardo di lire al popolo italiano.
Poiché si parla spesso del Vaticano e della sua influenza senza conoscerne esattamente la struttura e la reale forza d’organizzazione, non è senza interesse darne un’idea precisa. Il Vaticano è un nemico internazionale del proletariato rivoluzionario. È evidente che il proletariato italiano dovrà risolvere in gran parte con mezzi propri il problema del papato, ma è egualmente evidente che non vi arriverà senza il concorso efficace del proletariato internazionale. L’organizzazione ecclesiastica del Vaticano riflette il suo carattere internazionale. Essa costituisce la base del potere del papato in Italia e nel mondo. [...].

Antonio Gramsci


Da: La Correspandance Internationale del 12 marzo 1924, firmato G. Masci