Canale Video


Calendario

Luglio 2019
L M M G V S D
« Giu    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Archivio Articoli

Idoli infranti

Vi ricordate di Alexis Tsipras, il (piccolo) leader di Syriza, l’idolo di cartapesta delle maestrine dalla penna rossa che seguono rapite le trasmissioni di Radio Popolare con lo stesso trasporto fideistico con cui le bigotte/beghine stanno all’ascolto di Radio Maria e dei compagni farlocchi (molto farlocchi e pochissimo compagni) che a suo tempo si entusiasmarono per le sue promesse “alla Renzi” e per il presunto programma anti-europeista, dunque anti-imperialista perché anti-yankee, del raggruppamento da lui guidato?
L’ultima segnalazione che lo riguarda è di pochi giorni fa.
In visita ufficiale a Kiev l’8 e 9 febbraio scorso, l’attuale premier greco ha espresso al presidente dell’Ukraina, il golpista e fascista Poroshenko, “il fermo appoggio della Grecia alla sovranità, integrità territoriale ed indipendenza dell’Ucraina” (Il Manifesto del 21 febbraio, pag.14).
In sostanza, il non-riconoscimento di quella che il regime, anch’esso golpista e fascista, di Kiev la pretesa “illegale annessione russa della Crimea”.
Ma non basta. Il presunto “compagno” Tsipras, ex terrore degli europeisti filo-USA e dei complotti della finanza internazionale ai danni della sovranità e della dignità nazionali della Grecia “popolare e progressista”, non ha esitato ad esaltare l’incontro di Kiev, che, a suo giudizio, getta le basi per “anni di stretta cooperazione tra Grecia ed Ucraina”, al fine di “conseguire la pace nella regione”.
Se non è a buon diritto un idolo delle maestrine dalla penna rossa e dei compagni più farlocchi uno così…

L. A.