Canale Video


Calendario

Novembre 2020
L M M G V S D
« Ott    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Archivio Articoli

In fumo le balle degli antifumo

Dapprima Dio creò l’uomo, poi la donna. Dopo l’uomo gli fece pena e gli diede una sigaretta.”
Mark Twain

Ci sia concessa, prima di iniziare, una confessione.
Da quando è stata varata la campagna delle scritte “dissuasive” sui pacchetti di sigarette e dei manifesti murali anti-fumo, chi scrive fuma più di prima.
Anche perché, così facendo, mi concedo di “sfidare” quelli, come il pregiudicato per reati comuni che è stato addirittura Ministro della Salute in un governo di ladri, di bugiardi e di parassiti (no, non alludiamo all’attuale governicchio “di sinistra”, peraltro una copia fedele di quello che l’ha preceduto), odiano i piccioli grandi piaceri che, nonostante tutto, tasse in primis, ancòra sono concessi a chi predilige una vita ispirata dalla ricerca del piacere e della libertà a quella grigia ed uniformata imposta da ci sta (abusivamente) al potere ad un popolo di masochisti e di, per dirla con Nietzche, di “malriusciti”.
E ancora perché sono assolutamente persuaso che, se smettessi di fumare pur con moderazione ma con gusto, forse camperei qualche giorno di più e, probabilmente, in quegli stessi giorni sottratti alle pretese del Destino, mi prenderei un’influenza che mi costringerebbe a letto, magari da solo e malato. E, in quella stessa settimana, la Juve vincerebbe lo scudetto e il derby si giocherebbe per l’ennesima volta a Pechino.
Per tutte queste ragioni, e per altre ancòra che vi risparmio per non approfittare della pazienza di chi mi legge, non ho saputo trattenere un sorriso che è arrivato a deformare la mia bocca solitamente impegnata da una gustosissima sigaretta anziché a recitare una preghiera quando, qualche giorno fa, mi è capitata sotto gli occhi una notizia.
La notizia, com’era prevedibile pressoché ignorata dai media di regime, è questa: un uomo, originario della Galizia, uno spagnolo dunque, ha fatto di recente causa all’Unione europea (UE) per “utilizzo senza permesso”. Di cosa?, vi domanderete.
Della foto di un uomo intubato che campeggia sui pacchetti di sigarette di tutta Europa. Una foto, in cui, accanto al viso, compare la scritta “il fumo causa ictus e disabilità”.
Peccato (?) solo che l’uomo della foto utilizzata a fini terroristici non si trovasse in quelle condizioni a causa del fumo, bensì… per un intervento alla schiena!
Sì, avete letto bene: non per “abuso” di sigarette ma per un banalissimo, per quanto sgradevole, operazione chirurgica alla schiena!
“Usano la mia malattia contro il fumo”, ha dichiarato, stando a quanto riferisce Sergio Rame su Il Giornale, l’uomo. Che, oggi, è “pienamente in vita e che non rischia nessun esito letale. E che, ciò che più conta, non è mai finito in ospedale per un qualsiasi problema legato, direttamente o indirettamente, al fumo!
Da qui la denuncia alla Guardia Civil spagnola da parte del cinquantaquattrenne galiziano per “utilizzo senza permesso” di un’immagine che gli era stata scattata mentre si trovava sotto anestesia per l’impianto di alcune protesi di titanio nella schiena.
Eccoli qui, ecco chi sono i nuovi crociati della sedicente “Lotta contro il fumo” (sì, il fumo: ma negli occhi dei creduloni e dei farlocchi!)!
Come chiedeva uno slogan diffuso in altre epoche ed in altri continenti parafrasato giusto per l’occasione, potete fidarvi di truffatori (e , loro sì, venditori di fumo) del genere?

Uno “scemo” che mentre scrive fuma una sigaretta alla faccia di Nino Frassica, un guitto, oltretutto “scemo”, per infelici e repressi