Canale Video


Calendario

Settembre 2020
L M M G V S D
« Ago    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Archivio Articoli

La bomba del bamba

Il mio vicino di casa – che a questo punto, a forza di citazioni, sta diventando più famoso della già famosissima “casalinga di Voghera” – adora l’attuale Presidente del Consiglio.
Nonostante il fatto che, grazie a quest’ultimo, le imposte e le tasse locali siano aumentate, fra il 2013 ed il 2015, di sette miliardi di euro, con un incremento percentuale addirittura del 16,7% (cfr, www.soldiblog.it). Nel giro di soli due anni, tenendo conto solo delle tasse locali, la spesa di una famiglia-tipo è cresciuta di 308 euro. A compiere questo calcolo è stata la UIL, che ha preso come punto di riferimento una famiglia con un reddito di 24mila euro ed una casa di 80 metriquadri, con una piccola seconda casa avuta in eredità. Sempre secondo la UIL, fra i più tartassati dal fisco dell’Ebetino di Firenze ci sono i lavoratori dipendenti ed i pensionati, che hanno dovuto fare i conti con un aumento del 18,5% delle buste-paga e dei cedolini di pensione.
A dire il vero, il mio vicino di casa non è né un lavoratore dipendente né un pensionato: è semplicemente un “poveraccio” (il che, di per sé, sarebbe il meno, se omettessimo l’aggettivo che ci affrettiamo ad aggiungere qui di sèguito), un poveraccio ignorante. Come il suo idolo politico.
Che, nei giorni scorsi, per la precisione il 15 aprile scorso, si è segnalato per quella che è stata considerata “la gaffe del secolo”. Si è infatti attribuito il merito per il progetto ferroviario della velocità dell’ALPTRANSIT (che scorre sotto il san Gottardo), annoverandolo fra “i grandi progetti infrastrutturali italiani”.
Peccato solo (?) che, come sanno i bambini delle scuole elementari ma che sfugge al mio analfabeta vicino di casa, il San Gottardo sia un monte totalmente svizzero, distante un centinaio di chilometri dal confine italiano. E che l’ALPTRANSIT sia un’opera interamente concepita, finanziata e realizzata dalla Confederazione elvetica!
Una gaffe, quella in cui è incorso il clone fiorentino del Superviagra di Arcore, commessa nel corso di una conferenza-stampa a cui partecipava anche il ministro Del Rio. Che non solo non ha smentito o se non altro corretto il suo Principale, ma non ha perso occasione di esprimere il proprio ottuso servilismo annuendo soddisfatto e consenziente!
Con una classe dirigente del genere, c’è da stupirsi non solo che il nostro sfortunato ed infelice Paese sia finto dov’è finito ma soprattutto che esempi concreti e viventi di ignoranza sesquipedale come il mio vicino di casa séguitino a considerarla un esempio da assecondare e da sostenere ben oltre il ben moto masochismo popolare?

E. C.