Canale Video


Calendario

Dicembre 2020
L M M G V S D
« Nov    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Archivio Articoli

Parole sacre

Il mio vicino di casa, ormai conosciuto dai nostri lettori più affezionati quanto o più della stessa proverbiale “casalinga di Voghera”, dispiace dirlo, non è un tipo molto intelligente.
Lo dimostra, fra l’altro, il fatto che ce l’abbia con gli extra-comunitari, in particolare con quelli originari del Medio Oriente. Perché ve ne facciate un’idea, vi confiderò che ce l’ha con certi gatti solo perché sono… ”persiani”!
Per lui, i musulmani sono, tutti indistintamente, feroci e crudeli terroristi, essendo, il Corano, “feroce e crudele” per eccellenza. Come sarebbe lì a dimostralo, ad esempio, il versetto che recita testualmente “Uccideteli ovunque li incontriate, e scacciateli da dove vi hanno scacciato: la persecuzione è peggiore dell’omicidio. Ma non attaccateli vicino alla Santa Moschea, fino a che essi non vi abbiano aggredito. Se vi assalgono, uccideteli. Questa è la ricompensa dei miscredenti” (Corano 2:191).
Beh, forse il mio vicino di casa non ha tutti i torti. Ma non può certo essere lui a giudicare, se si tien conto che è cattolico, o perlomeno sostiene di esserlo, non si sa fino a che punto, come succede per tutti i cattolici, a buon diritto. E questo perché, anche se lui probabilmente lo ignora, visto che il suo rapporto con i testi sacri della sua religione, è di fatto lo stesso dei catto-comunisti e delle maestrine dalla penna rossa con le opere non solo di Marx e di Engels, ma anche con quelle di Lenin e di Mao Tsetung. Un rapporto cioè impastato con l’ignoranza e con la superficialità.
Infatti, piaccia o non piaccia al mio ormai famoso vicino, non è che la Bibbia ed i Vangeli siano poi altrettanti testi “di Pace e d’Amore per il Prossimo”. Anzi.
Ne volete qualche saggio, attinto qua e là assolutamente a caso?
Eccovi sùbito serviti, come dicono i camerieri al ristorante.
“Era volere di Dio che tutti si ostinassero a combattere contro Israele e non avendo meritata alcuna clemenza cadessero tutti e perissero, come aveva comandato Dio a Mosé” (Giosué, 11:20).
“Giosué dunque devastò tutto il territorio montuoso (…) non lasciando anima vivente, ma uccidendo, secondo il comando del Signore, tutto ciò che aveva vita” (Giosué, 10:40).
Ed ancora: “Sterminerai dunque tutti i popoli che il Signore Dio tuo sta per consegnare a te; il tuo occhio non li compianga…” (Deuteronomio, 7:16).
“La città (Gerico, ndr) con quanto vi è in essa sarà votata allo sterminio per il Signore…Votarono poi allo sterminio, passando a fil di spada ogni essere che era nella città, dall’uomo alla donna, dal giovane al vecchio, e perfino il bue, l’ariete e l’asino” (Giosué, 6:11 e 6:21).
E non sono di sicuro da meno gli insospettabili (?), anzi, meglio: i pretesi insospettabili, Vangeli di Gesù. Prendete quello di Matteo: “Allora (Gesù, ndr) si moise a rimproverare le città nelle quali aveva compiuto il maggior numero di miracoli, perché non si erano convertite (…). ‘Perché, se in Sodoma fossero avvenuti i miracoli compiuti in te, oggi ancora essa esisterebbe! Ebbene io vi dico: nel giorno del giudizio avrà una sorte meno dura della tua!” (Matteo, 11:20).
“(Parla Gesù, ndr) E quei miei nemici che non volevano che diventassi loro re, conduceteli qui e uccideteli davanti a me”. (Luca, 19:27).
Fermiamoci comunque a questo punto. Anche perché questo è un semplice articolo senza grandi pretese, non una piccola antologia di crimini, di massacri e di violenze, tutte immancabilmente “(sacro)sante”.
E arriviamo alla conclusione. Che, per la verità (rigorosamente, materialisticamente con la v minuscola), è assolutamente semplice e scontata, del tutto ignota al mio povero, rigorosamente “di spirito”, vicino: tutte le religioni, in particolar modo quelle monoteistiche, affermano, venerano e cercano di imporre il proprio oDIO.

Ravachol