Canale Video


Calendario

Novembre 2020
L M M G V S D
« Ott    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Archivio Articoli

La destra lecchina

“Gli Italiani vogliono sempre qualcuno che pensi al posto loro.
Poi, se va bene, va bene. Se va male, lo impiccano a testa sotto”
Mario Monicelli

Renzi ha le palle”.
Alessandro Sallusti, direttore del rotolo di carta igienica berlusconiano Il Giornale, 29 gennaio 1014

In realtà un amico vero Renzi ce l’ha. Si chiama Silvio Berlusconi”.
Alessandro Sallusti, ibidem, 15 febbraio 2014

Renzi va sostenuto ed incoraggiato nella sua perestrojka”.
Alessandro Sallusti, ibidem, 26 febbraio 2014

Di sicuro Renzi è stato veramente qualcosa di nuovo, di dirompente, di cui il Paese ha bisogno. Ha il mio totale appoggio”.
Sergio Marchionne, 14 febbraio 2014

L’agenda di Renzi è l’unica che abbiamo in Italia e in Europa. Spero che lo ascoltino. Mi piace molto, perché è uno che fa”.
Idem, 1 giugno 2014

Renzi ha una chance unica e una grandissima responsabilità. E’ il più bravo comunicatore dopo mio padre. In un Paese che ha bisogno di riforme io tifo per Renzi. E chi non lo farebbe con chi ha preso il quaranta per cento?”.
Pier Silvio Berlusconi, figlio del Superviagra Nazionale, 2 luglio 2014

E’ Renzi il futuro del centrodestra”.
Giuliano Urbani, tessera n.1 di Forza Italia, in Libero, il rotolo di carta igienica di riserva del Superviagra Nazionale, del 18 ottobre 2014

Volete che un vecchio e intemerato berlusconiano pop, come me, non si innamori del boy-scout della Provvidenza?”.
Giuliano Ferrara, già dirigente del PCI, filo-craxiano ed agente della CIA, in Il royal baby, gennaio 2015

Non lo voglio difendere, non ne ha bisogno, ma ha fatto in 11 mesi quello che non è stato fatto in anni interi. Lasciamolo lavorare, non ostacoliamolo”.
Sergio Marchionne, 10 febbraio 2015

Il cammino di Renzi è giusto. Credo che questo Governo abbia l’agenda giusta del Paese”.
Marco Tronchetti Provera, presidente ed Amministratore Delegato della Pirelli, 17 febbraio 1015

Ma qui ci interrompiamo,
sopraffatti dal ribrezzo.
E dal rischio d’asfissia
per cotanto lezzo.

Eugenio Colombo