Canale Video


Calendario

Ottobre 2021
L M M G V S D
« Set    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Archivio Articoli

L'anticomunismo degli idioti

L’anticomunismo è una forma, o se volete un tipo, di nevrosi. Anche se non è contemplato e trattato come tale nei manuali di psichiatria ufficiali. Forse perché è proprio e caratteristico degli Idioti.
Prendete il caso di Stalin. Di lui è stato detto e si continua ostinatamente a dire tutto il male possibile. Stalin è “un Mostro”, naturalmente “il Mostro” per antonomasia, al pari di Hitler e più ancora di Mussolini; un Assassino, un Criminale, un persecutore ed un oppressore del proprio popolo, ovviamente il popolo russo.
Quanto a quest’ultima accusa, logica vorrebbe che, di lui, il popolo russo conservi un ricordo angosciante, negativo, terribile.
Eppure, a quanto pare, piaccia o non piaccia ai professionisti (borghesi) della calunnia e della menzogna storica, le cose non stanno proprio in questi termini.
Lo conferma un recente sondaggio dell’istituto di ricerca Wciom citato dal quotidiano ItaliaOggi nel numero in edicola venerdì 21 agosto (lo si può leggere a pag.16).
Secondo i dati raccolti dai sondaggisti del Wciom che hanno scandagliato l’opinione pubblica per sapere cosa ne pensino i russi di alcuni simboli politici, per primi quelli con la falce ed il martello, la maggioranza degli intervistati ne ha una visione positiva: ben il 73%.
Le immagini comuniste legate al sistema sovietico (e, di conseguenza, alla presunta “dittatura di Stalin”) sono dunque ben accette. Solo un 11% del campione, infatti, ne ha una percezione negativa, mentre un insignificante 6% non sa che cosa esse significhino.
Quanto alla proposta dei rappresentanti locali della categoria della categoria universale di Idiota Anti-comunista di mettere al bando i simboli dell’esperienza sovietica, dunque del deprecatissimo “regime di Stalin”, la stragrande maggioranza del popolo russo si è dichiarata nettamente e decisamente contraria. Infatti il 72% si oppone al divieto di usare la falce ed il martello, mentre il 68% non ne vuol assolutamente sapere, di vietare l’utilizzo della stella rossa.
Stalin “dittatore”, “oppressore del suo popolo”, “grande criminale”, “Mostro”, e via vomitando insulti e calunnie?
Come direbbe l’inimitabile Totò, “ma fateci il piacere, fateci…”, Idioti Anticomunisti!

D. T.