Canale Video


Calendario

Ottobre 2020
L M M G V S D
« Set    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Archivio Articoli

Esami

Il mondo fa schifo, io non ho paura a dirlo perché sono il capoclasse, e certe cose posso dirle”.
Alunno anonimo, in Io speriamo che me la cavo, 1990

L’estate, si sa, è stagione di zanzare. Ma anche di esami: finiscono le scuole, e, prima di partire per le vacanze, gli alunni delle “buone scuole” del “compagno” Renzi(e) danno, a differenza del Governo, gli esami di maturità.
Dove hanno la possibilità di dar prova della loro preparazione. O, come nel nostro caso (oltre nel caso della maggioranza politica che guida il nostro sfortunato Paese “troppo vicino al Vaticano ed agli Stati Uniti e troppo lontano da Dio” verso la catastrofe) di offrire l’ennesima conferma che la nostra società è riuscita nell’impresa di trasformare la tragedia in farsa. E, cosa peraltro relativamente scontata, se si pensa, per citare solo due casi, che due macchiette come Alfano e Maroni ricoprono la carica, rispettivamente, di Ministro dell’Interno e di Presidente della Regione Lombardia, di coprirsi di ridicolo.
Dicevamo comunque degli esami d’estate. Quello  che oggi vi proponiamo è un piccolo florilegio delle castronerie che gli alunni della “buona scuola” dell’Italia a guida piddina e catto-comunista hanno pronunciato proprio quest’anno durante gli esami di maturità.
E se vi dovesse capitare di rammentare, leggendoli, le bestialità degli alunni che il maestro Marcello D’Orta raccolse, nel lontano 1990, nel volume di successo “Io speriamo che me la cavo”, sappiate che non avete alcun motivo di meravigliarvi: perché gli anni passano, ma l’ignoranza e la stupidità non invecchiano mai. Come peraltro dimostrano i casi personali del Superviagra di Arcore e del Grande Handicappato Padano.
Ma veniamo senz’altro al florilegio di cui vi dicevamo. Non senza avervi prima precisato che, le “citazioni”, le abbiamo tratte dal sito Il Fattoquotdiano.it. E che siete tutti caldamente invitati a non soffocarvi dalle risate. E, per finirla con le raccomandazioni, ad evitare episodi di autolesionismo dopo averle lette.
Buona lettura, allora. Anzi, buona risata.
- “La fine della Seconda guerra mondiale è stata determinata dallo sbarco in Lombardia”.
- “Cartesio è il filosofo del ‘cogito ergo rum’”.
- “Un esempio di architettura fascista a Milano? Il Duomo”.
-  “Leopardi era un umorista”.
- “Nel Paradiso Beatrice dà a Dante l’ecstasy”.
- “Kant era il filosofo dell’aperitivo categorico”.
- “Chi era Paolina Borghese? Era una borghese, cioè della classe popolare”.
- “La guerra fredda è stata combattuta durante i mesi invernali”.
- “Le tre fasi dello sviluppo psicosessuale di Freud sono: orale, anale, manuale”.
- “Craxi era il vice di Garibaldi in Sicilia”.
- “La seconda guerra mondiale è finita nel 1958 con la vittoria della Germania”.
- “L’URSS è la sigla di un’organizzazione terroristica che ha fatto gli anni di piombo in Italia”.
- “La filosofia secondo Hegel è la trottola di Minerva”.
- “I parlamentari risposero al fascismo con la recessione dell’Avellino”.
- “Il compagno di Stalin? Tronky!”
- “Durante il Fascismo nacquero le prime auto ‘Barilla’, anche i bambini venivano chiamati così dal     regime”.
- “Nel ‘Sabato del villaggio’ di Giacomo Leopardi tutti sono felici perché è domenica”.
- “Il Fascismo venne fondato dal Duca Mussolini”.
- “A Zacinto è una poesia scritta da Foscolo in memoria del fratello Giacinto”
- “I tedeschi rinchiudevano gli ebrei nei laser”

E via castroneggiando con la stessa disinvoltura del clone-berlusconiano a capo del Governo…

Red3