Canale Video


Calendario

Luglio 2020
L M M G V S D
« Giu    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Archivio Articoli

Versi all'angolo: Franti

Poesia rivoluzionaria, ribelle ed anticonformista.

Quattro di mattina piove piano, me li vedo i marciapiedi
trasparenti il buio e i neon, è solo un altro giorno
Ti svegli e sei dentro un sogno,
mi dici “dormi”, guardi l’ora
una piega cancella il tuo viso, suoni lievi la tua voce
Una mano conta i minuti, respira storie di gioia bruciata
Una mano tatuata sul palmo, è fredda è notte è Beirut.
Sembra una notte come tante, ruba ancora aria là fuori
Occhi feroci uccidono il giorno, forse domani solo una foto.
Mani, le mie, mani su Beirut,
taglio di luce spezza il sorriso
Mani, le mie, mani, il cuscino, la fine del sonno è dentro.
Sembra una notte come tante,
quasi sento gridare qua sotto
Si, lo so è molto lontano
anche la strada è sempre uguale

Franti: Le loro voci (Luna Nera)

E’ il testo di un gruppo di Torino. Si chiamano Franti, dedicato al “cattivo” di Cuore, il bambino che ride perchè
è morto il Re d’Italia… E’ stata scritta dopo la guerra in Libano del 1982.